Durante la quarantena da coronavirus, non abbandonare i tuoi clienti!

Durante la quarantena da coronavirus, non abbandonare i tuoi clienti!

I clienti, per qualsiasi attività commerciale e di servizi, sono il bene più importante, è ovvio. Ma sai gestire un minimo di comunicazione tra te e i tuoi clienti, oppure, semplicemente, attendi che si affaccino alla tua porta?

In questo breve post analizzeremo come mantenere una costante comunicazione con i tuoi clienti e, se necessari, quali software o App utilizzare per manterere un contatto costante ma non invasivo: non possiamo certo riempire di messaggi inutili lo smartphone o la casella e-mail delle persone!

      In breve, per una buona comunicazione dobbiamo:

  • Creare un elenco dei nostri clienti;
  • Dividere questo primo elenco in 3 o 4 nuovi elenchi, tenendo conto delle ‘caratteristiche’ dei clienti;
  • Raggruppare i clienti in funzione delle singole peculiarità, degli hobby, delle passioni personali;
  • Non rivolgersi ai ‘gruppi’ di clienti ma alle singole persone;
  • Comunicare utilizzando argomenti comuni
  • Personalizzare il più possibile i messaggi.

La prima cosa da fare, naturalmente, se non l’abbiamo già fatto, è creare un primo elenco dei nostri clienti con nome/e-mail/numero del cellulare: possiamo utilizzare tranquillamente un semplice file excel (oppure word, se lo conosciamo meglio…) magari utilizzando la suite gratuita Open Office.

Dopo aver inserito tutti i nostri clienti in questo elenco, a fianco ad ogni riga dovremo ‘commentare’ la tipologia del cliente: ad esempio, se i rapporti con lui/lei sono particolarmente amichevoli, se condividiamo dei gusti extra-lavorativi, se abbiamo la comune passione per una determinata cosa, ecc.

A questo punto, partendo dalla prima lista creata, realizziamone altre, dividendo in gruppi i nostri clienti: otterremo, magari, 3 o 4 liste abbastanza specifiche relative ai gusti, alle passioni e al rapporto personale che abbiamo con i  clienti, tenendo sempre presente che non dobbiamo comunicare con loro perchè clienti, ma dobbiamo comunicare con le persone!

Una comunicazione improntata sul rapporto venditore/cliente è inutile, arida e quasi sicuramente anti-producente!

Chi vuole ricevere e-mail o messaggi sullo smartphone del tipo: ‘solo per oggi 10% di sconto’, con una foto del prodotto ed il logo dell’azienda? Una comunicazione del genere può farla Amazon, ma soltanto perchè personalizzare ogni singolo messaggio per milioni di messaggi sarebbe un pò difficile (per ora, almeno… ma la già introdotta Intelligenza Artificiale farà faville, a breve…).

Ripartiamo dalle nostre 3 o 4 liste: ora possiamo comunicare con le persone che sono ‘dietro’ ai clienti.

Inviamo messaggi simpatici, informativi (non riguardanti il nostro lavoro, ma informazioni che possono interessare l’interlocutore), l’importante è che siano il più possibile inerenti al carattere, alle abitudini, agli interessi del nostro cliente.

Per una buona comunicazione, dobbiamo capire cosa abbiamo in comune con la persona che abbiamo di ‘fronte’ e parlare degli argomenti che condividiamo: in questo modo la comunicazione sarà lineare, naturale, senza forzature e, soprattutto, al di fuori di quello che vendiamo o dei servizi che proponiamo: si creerà una ‘linea d’intesa’ tra noi e la persona che si trova dall’altra parte dello smartphone e, in seguito, l’acquisto dei nostri prodotti o servizi sarà una conseguenza naturale.

In buona sostanza, il marketing che funziona può essere racchiuso in un solo concetto: personalizzazione (dei contenuti, dei messaggi, delle proposte pubblicitarie…).

Ricorda  >>>   Il cliente è, prima di tutto, una persona e come tale vuole essere cercato! Non commettiamo l’errore di considerare il cliente come un semplice numero, un dato da analizzare!

 

Ad Maiora!

 

 

 

tag: conservare i clienti, comunicare con i clienti, mantenere rapporto con i clienti, ottenere nuovi clienti, quarantena senza stress, utilizzare il tempo libero, cercare nuovi clienti, comunicare con i clienti con WhatsApp