La presenza forte, educata e non invasiva del marketing

La presenza forte, educata e non invasiva del marketing

Google, negli ultimi 20 anni, ci ha insegnato un nuovo modo di fare marketing: anzichè cercare i clienti tramite i canali di pubblicità tradizionali, ‘farsi trovare’ è il nuovo marketing.

Le differenze tra ‘cercare’ e ‘farsi trovare’ sono tantissime: in primis, evitiamo di ‘bombardare’ le persone con messaggi pubblicitari invasivi che infastidiscono e potrebbero addirittura essere controproducenti nella ricerca di nuovi clienti. Quante volte siamo ‘nauseati’ dalla presenza di un brand nella nostra vita quotidiana? Naturalmente, questo fastidio fa si che le persone, anzichè essere ‘attratte’ dal brand, lo evitino come la peste!

Al contrario, oggi è importante essere ‘presenti’ tra i primi risultati in una pagina di Google che ‘risponde’ ad una determinata ricerca effettuata dalla persona interessata ad un servizio o ad un prodotto: in questo caso, il nostro brand, ma soprattutto la qualità della nostra ‘risposta’, è percepito come ‘autorevole’ proprio perchè il sistema di ‘filtraggio’ di Google ci ha posto tra i primi dieci risultati più attinenti alla ricerca lanciata dal potenziale cliente.

Google, nella sua ‘lista di risposta’, per gli utenti, tiene conto della ‘meritocrazia’: se un brand viene posto tra i primi dieci risultati, evidentemente se lo merita!

Lo sforzo da parte di chi vuole ‘farsi notare’ attraverso Google è uno solo: realizzare contenuti informativi completi! Il contenuto di una pagina web è uno dei fattori principali per far si che Google inserisca quella pagina tra i primi risultati di una pagina di ricerca: partiamo da questo concetto per condurre gli utenti nel nostro negozio fisico (o nel nostro ristorante, nella nostra palestra, ecc.).

Ad maiora!

 

 

 

 

tag: pubblicità indesiderata, pubblicità fastidiosa, pubblicità invasiva, fastidiosi annunci pubblicitari, La presenza forte, educata e non invasiva del marketing, primi risultati in una pagina di Google, messaggi pubblicitari invasivi, canali di pubblicità tradizionali